Malattia di Parkinson

James Parkinson nato nel 1755 e morto nel 1824 a Londra fu un medico, geologo, paleontologo e attivista politico inglese. Nel 1817, scoprì la malattia conosciuta come “paralisi agitata”. Jean Martin Charcot, un eminente neurologo del 19° secolo, la chiamò “malattia di Parkinson”.

Gli effetti dell’olio di CBD nella malattia di Parkinson

Attualmente ci sono circa 10 milioni di persone nel mondo che soffrono di questa malattia, di cui 15.000 in Svizzera. Nella maggior parte dei casi, appare in persone di oltre 60 anni. Ma rare eccezioni hanno dimostrato la possibilità di contrarre presto questa malattia. Il 5-10% delle persone diagnosticate ha meno di 40 anni e il 20% ha meno di 50 anni. Va notato che questa condizione colpisce più gli uomini che le donne. È la seconda malattia neurodegenerativa più comune dopo l’Alzheimer e la seconda causa più comune di disabilità motoria dopo l’ictus. La qualità della vita del paziente diminuisce anno dopo anno, la sua autonomia diminuisce e il suo dolore è onnipresente. Ma è comune vedere il paziente che cerca soluzioni paramediche per migliorare il suo comfort.

Studi scientifici hanno dimostrato l’efficacia del CBD Parkinson nell’alleviare i sintomi della malattia. Inizieremo, quindi, definendo la malattia di Parkinson e poi vedremo gli effetti del cannabidiolo sul paziente. Evocheremo poi la testimonianza CBD Parkinson di una donna su sua madre che soffre della malattia da 10 anni. Poi termineremo presentando due studi scientifici sull’impatto del CBD nella malattia di Parkinson.

Cos’è la malattia di Parkinson?

Il morbo di Parkinson è un disturbo neurodegenerativo del sistema nervoso centrale. I neuroni responsabili della produzione di dopamina vengono gradualmente distrutti. Questa distruzione causerà quindi disturbi motori come la bradicinesia (rallentamento, ritardo dei movimenti). Ma anche rigidità e tremori. Purtroppo, i neuroni della dopamina non sono gli unici a morire. Altri neuroni sono responsabili dei disturbi vegetativi (funzioni automatiche di digestione, circolazione, respirazione, …). Compaiono anche problemi di sonno, squilibri psicologici e dolore. I gesti automatici sono quindi disfunzionali. Durante la malattia possono verificarsi allucinazioni o deliri, che possono anche essere causati dai farmaci. Una perdita di espressione facciale può indurre in errore chi lo circonda sulle sue emozioni.

Segnali di pericolo

I primi segni di avvertimento possono essere osservati all’inizio della malattia. Affaticamento, depressione, dolore alle articolazioni o alla spina dorsale sono alcuni degli indicatori. Ma non sono sufficienti per diagnosticare la malattia. La micrografia (scrittura piccola e stretta) e la perdita del movimento delle braccia sono due segni importanti.

È una malattia progressiva, con i problemi di salute del paziente che aumentano nel tempo. Non esiste una cura per questa condizione. Tuttavia, i trattamenti farmacologici possono ridurre o addirittura eliminare i sintomi. La levodopa (L-Dopa) è un precursore della dopamina usato in medicina per il morbo di Parkinson. Anche altri farmaci completano il trattamento. Va notato che effetti collaterali significativi possono verificarsi durante l’assunzione del farmaco. Possono verificarsi depressione, ansia, allucinazioni o disturbi del controllo degli impulsi (gioco d’azzardo, acquisto compulsivo, ecc.). L’apatia (mancanza di iniziativa, indifferenza, …) può anche verificarsi.

Le cause della malattia sono ancora sconosciute, ma due ipotesi sono comunque mantenute: la genetica e l’ambiente. L’esposizione a lungo termine a sostanze chimiche (pesticidi, solventi) è un possibile fattore ambientale scatenante della malattia. È una condizione estremamente difficile da trattare. Ma ci sono prodotti come l’olio di CBD che possono ridurre i sintomi della malattia di Parkinson.

Olio di CBD e malattia di Parkinson

A questo punto, gli scienziati hanno difficoltà a spiegare come avvengono gli effetti antiparkinsoniani del CBD. Il cannabidiolo ha proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive. La distruzione dei neuroni nella malattia di Parkinson causa un’infiammazione nel cervello. Il CBD, quindi, proteggerà il sistema frenando l’infiammazione, rallentando il processo neurodegenerativo.

Il sistema endocannabinoide umano permette l’omeostasi del corpo per mezzo di recettori posizionati in tutto il corpo. Regola le funzioni del corpo. Di conseguenza, il CBD può alleviare la depressione, i disturbi del sonno, la psicosi e i problemi motori. Può, infatti, ridurre i tremori con il giusto dosaggio. Inoltre, promuoverebbe la produzione di dopamina, una proprietà importante nel trattamento del morbo di Parkinson. Il dosaggio del cannabidiolo deve essere usato con cautela. È importante iniziare con la dose più bassa e poi regolarla secondo i bisogni del paziente. Inoltre, diversi studi clinici hanno dimostrato l’efficacia di questa molecola.

Studi scientifici sull’effetto dell’olio di CBD nella malattia di Parkinson

1° studio: Cannabidiolo per il trattamento della psicosi nella malattia di Parkinson

Riguarda la ricerca sugli effetti del CBD nel trattamento della psicosi nel morbo di Parkinson. Sono selezionati 4 uomini e 2 donne con la malattia e disturbi psicotici per tre mesi. Vengono quindi somministrate dosi regolabili di CBD (1a dose di 150 mg/giorno) per 4 settimane. I risultati sono molto incoraggianti, con una riduzione significativa dei sintomi durante gli studi clinici. Questa è una vera speranza per la medicina e per il paziente.

Pubblicato in Sage Journals nel settembre 2008 da A. W. Zuardi, J. A. S. Crippa, J. E. C. Hallak, JP. Pinto, M. H. N. Chagas, G. G. R. Rodrigues, V. Tumas (Università di San Paolo, Brasile) e SM. Dursun (Università di Alberta, Canada).

2° studio: Effetti del cannabidiolo nel trattamento di pazienti con malattia di Parkinson

21 persone su 119 sono selezionate per studi clinici sugli effetti del CBD nella malattia di Parkinson. Sono stati divisi in tre gruppi di 7 persone. Per 6 settimane sono stati trattati con placebo, 75 mg di CBD al giorno o 300 mg al giorno. Gli scienziati hanno notato un miglioramento della qualità della vita dei pazienti e proprietà neuroprotettive.

Pubblicato nella rivista Sage Journals nel settembre 2014 da M. H. N. Chagas, A. W. Zuardi, V. Tumas, M. A. Pena-Pereira, E T. Sobreira, M. M . Bergamaschi, A. C. Dos Santo, J. E. C. Hallak, J. A. S. Crippa (Università di San Paolo, Brasile) e A. L. Teixeira (Università federale di Minas Gerais, Brasile).

Testimonianza di CBD Parkinson :

La figlia di una persona con il morbo di Parkinson

Sua madre ha sviluppato il morbo di Parkinson 10 anni fa. Il suo trattamento è stato efficace per i primi anni, poi le sue condizioni sono peggiorate. I farmaci non erano più efficaci come all’inizio, e cominciarono a verificarsi scoppi d’ira incontrollabili. Il CBD ha aiutato sua madre a trovare un po’ di serenità e suo padre a trovare più pace. Soprattutto perché non hanno trovato alcun effetto collaterale. I suoi genitori hanno visto migliorare la loro qualità di vita.

Per concludere

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che, purtroppo, non ha ancora una cura al momento attuale. Il medico suggerisce trattamenti per ridurre i sintomi. La qualità della vita si deteriora poco a poco, lasciando poco spazio all’autonomia del paziente. Ma negli ultimi anni, gli scienziati hanno scoperto le proprietà terapeutiche del CBD nelle persone con questa condizione.

Gli studi hanno riportato una diminuzione dei segni motori e non motori dopo la somministrazione di cannabidiolo. La testimonianza di un familiare di un malato di Parkinson conferma l’efficacia del CBD nel ridurre alcuni sintomi. Va notato che il CBD non dovrebbe sostituire il trattamento inizialmente prescritto dal neurologo. È quindi solo un complemento.

×

Buongiorno!

Fare clic su uno dei nostri rappresentanti di seguito per chattare su WhatsApp o inviarci un'e-mail a support@evetica.ch

× Come posso aiutarla ?